Auguri Belladonna

4 su 5

Il più grande poeta della storia del mondo – e anche di tutta quella che verrà – si chiamava Dante, ed era italiano. Una volta scrisse un verso per dire quanto fosse bella la sua donna, e lo scrisse talmente bello che nessun altro nella storia del mondo – e neanche di tutta quella che verrà – ne ha mai scritto uno così. Dice: per essemplo di lei bieltà si prova. Che vuol dire che non è Beatrice che si misura sulla bellezza, ma è la bellezza, la bellezza in quanto tale, che si guarda allo specchio e si domanda: sarò bella quanto Beatrice? E sull’esempio di lei, si prova.

L’Italia è così. Per chi non ci vive. Per gli altri, è un vecchio carcassone che non funziona e avvelena qualunque tentativo di farlo ripartire. E a dire il vero anche i più anziani si sono dimenticati se abbia mai funzionato.

Una volta – ero all’estero – entrai in un negozio molto bello, incredibilmente bello. Assomigliava a un museo. Era costruito come se fosse una foresta incantata, e tutte le cose apparivano appoggiate in maniera estrosa e disordinata. Sembrava l’avessero messe lì per l’esposizione più che per la vendita.

Stetti nel negozio un sacco di tempo, e alla fine mi decisi a comprare qualche cianfrusaglia. Arrivato alla cassa scambiai due parole con il proprietario: «di dove sei?», mi chiese. Quando gli risposi che ero italiano mi guardò come un venditore di palloni guarderebbe Roberto Baggio: «italiano? Allora ti vorrei fare una domanda», mi disse. Era quasi deferente, come si parla con un esperto. «Dimmi, ti piace il mio negozio?».

Gli risposi quello che pensavo: mi piaceva eccome quel negozio, era proprio bello. E si vedeva quanto ci tenesse, per come l’aveva fatto. Allora lui mi rivelò la chiave:  «questo mi fa enormemente piacere – mi disse – ed è il complimento più bello che un italiano potesse farmi. Perché io ho provato a fare questo negozio come voi italiani fate qualunque cosa: prima, che fosse bello; e poi, forse, che funzionasse».

L’Italia. Questa è la cosa migliore, e la peggiore, che mi sia venuta in mente per i suoi centocinquant’anni. Auguri.

Ah, la Belladonna è una pianta velenosa.

14 risposte a “Auguri Belladonna”

  1. Evviva Giovanni,stavolta sono pienamente d’accordo con te senza se e senza ma.
    Quando ho vissuto all’estero mi sono capitate scene simili decine di volte.
    auguri anche a te

  2. «Il più grande poeta della storia del mondo – e anche di tutta quella che verrà – si chiamava Dante, ed era italiano» è la parte dove mi sono alzato in piedi e ho urlato sventolando tutte le sciarpe presenti e future.

  3. bello quest’aneddoto, non so se funziona. 😉
    (infatti, come spiegare le fiat?)
    (non interpreterei proprio come te il verso di Dante; e credo nemmeno De Robertis would)
    (sempre pignoleggiando, della belladonna è velenosa la bacca, non credo tutta la pianta, che anzi serviva per la cosmesi, da cui il nome)

  4. Dante NON era italiano!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    era FI-O-REN-TI-NO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Evvvvvviva FLORENTIA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  5. hola… / bella ed emblematica storiella (sarà perchè sembrano intelligenti le opinioni che coincidono con le proprie?)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.